DailyItalia|venerdì, agosto 18, 2017
Ora sei in: Home » Sport » Champions League, che Napoli! Milan, quanta fatica!

Champions League, che Napoli! Milan, quanta fatica! 

Gli azzurri battono 2-1 il Borussia Dortmund giocando una gara di altissima qualità. Un Milan troppo brutto per essere vero rischia, ma vince 2-0 nel finale.

milan

Punteggio pieno per le italiane impiegate nella seconda serata di Champions League: dopo il flop della Juventus in Danimarca, Milan e Napoli ottengono i primi tre punti europei, rispettivamente contro Celtic e Borussia Dortmund. Il modo migliore per arrivare allo scontro diretto di domenica per Allegri e Benitez.

Grandissima partita dei partenopei, che partono benissimo in uno dei gironi più interessanti di questa edizione (oltre ai tedeschi, Arsenal e Olympique Marsiglia). Gli azzurri battono i vice-campioni d’Europa con una prestazione maiuscola: Benitez sceglie Insigne al posto di Pandev e chiede ad Hamsik di giocare più a ridosso di Higuain. Entrambe le scelte si rivelano vincenti: minuto 31′, Zuniga mette in mezzo un bel cross da sinistra, Higuain prende il tempo a Schmelzer e insacca di testa. Klopp, tecnico dei tedeschi, viene espulso per proteste dopo una spaventosa sfuriata contro il quarto uomo: il Napoli batte il corner da cui scaturisce il gol senza aspettare il rientro in gioco del centrale Subotic, a bordo campo per un taglio sulla fronte.
Senza il proprio funambolico leader, i tedeschi perdono anche il portiere Weidenfeller, espulso per aver toccato il pallone con la mano fuori area, anticipando el Pipita lanciato in contropiede.
In 11 contro 10, il Napoli si lancia alla ricerca del secondo gol e lo trova con una magistrale punizione di Insigne al minuto 67: palla all’incrocio dei pali e 2-0 Napoli.
Il finale è concitatissim. Nonostante l’uomo in meno, il Borussia è arrembante: colpisce una traversa con Aubameyang, Sahin impegna Reina due volte, fino all’88’, quando Zuniga devia sciaguratamente col tacco un cross e insacca alle spalle di Reina. Il finale è tesissimo, ma il Napoli resiste e porta a casa tre punti e tanta convinzione.

Diversa la partita del Milan, in emergenza dopo la sfortunata serie di infortuni che ha colpito giocatori chiave. Scelte obbligate per Allegri, che conferma Zaccardo terzino destro ed è costretto a schierare lo sloveno Birsa alle spalle di Balotelli e Matri. Scelte che sembrano pagare nei primi minuti, quando sono proprio il campione del mondo 2006 e l’ex Genoa a creare i maggiori pericoli alla difesa del Celtic. Gli scozzesi sono bravissimi però a rallentare il ritmo e ad annullare le possibilità di gioco dei rossoneri.
Il secondo tempo della squadra di Allegri è però terribile: la squadra non riesce a creare pericoli, anzi rischia su una conclusione a fil di palo di Samaras e su una punizione di Stokes che colpisce la parte alta della traversa. Quando il pari sembra quasi un lusso, al minuto 82′, il difensore centrale Izaguirre devia un innocuo sinistro da 30 metri di Zapata destinato sul fondo: Foster, sorpreso, resta immobile ed è 1-0 per il Milan.
Risultato che si gonfia ulteriormente tre minuti più tardi: punizione violenta di Balotelli, respinta corta di Foster e tap-in vincente di Muntari.
Risultato ingiusto per gli scozzesi, sospiro di sollievo per i rossoneri.

Sugli altri campi l’Arsenal vince 2-1 sul Marsiglia, il Barcellona batte 4-0 l’Ajax al Camp Nou con tripletta di Messi, il Chelsea crolla in casa contro il Basilea (1-2), lo Schalke batte 3-0 lo Steaua Bucarest con gol di Boateng, il Porto vince 1-0 in trasferta contro l’Austria Vienna, l’Atletico Madrid distrugge 3-1 lo Zenit.

Ti potrebbe interessare anche:

Aggiungi un commento

Informazioni sull’autore

Matteo Villa
Questo articolo è stato scritto il 19/09/2013