DailyItalia|martedì, agosto 22, 2017
Ora sei in: Home » Esteri » Cina: divieto di suicidarsi in Università

Cina: divieto di suicidarsi in Università 

Un ateneo del Guangdong chiede agli studenti di firmare un contratto 

2010-04-10_cina-universita

SHANGHAI. Gli studenti cinesi avranno altro a cui pensare rispetto i nostri concittadini impegnati a fare i conti con i test d’ingresso truccati, in Cina scatta il divieto di suicidarsi negli Atenei. Si potrebbe definire un divieto inusuale che ha come principale scopo quello di esonerare da ogni responsabilità l’Ateneo di riferimento. Accade nella provincia meridionale del Guangdong, dove 5 mila matricole avrebbero già firmato l’accordo, assumendosi la responsabilità in prima persona per eventuali suicidi o lesioni. La nuova norma ha trovato appoggio dagli studenti, con la motivazione che la causa del suicidio è da cercarsi più nella vita privata e familiare che nello studio. Diversa è la posizione dei genitori i quali vedono questo provvedimento come un escamotage che permette all’Università di non assumersi alcuna responsabilità in merito a quel che accade al suo interno. L’accordo è stato voluto dall’Ateneo a seguito di un episodio di violenza accaduto lo scorso anno, quando uno studente ferì una compagna per motivi sentimentali. 

Ti potrebbe interessare anche:

Aggiungi un commento

Informazioni sull’autore

Anna Montana
Questo articolo è stato scritto il 17/09/2013