DailyItalia|martedì, agosto 22, 2017
Ora sei in: Home » Sport » Cristiano Ronaldo rinnova: 20 milioni all’anno fino al 2018

Cristiano Ronaldo rinnova: 20 milioni all’anno fino al 2018 

CR7 chiude ogni speculazione sul futuro firmando in diretta il nuovo contratto faraonico: ora è il calciatore più pagato.

ronaldofirma

Si chiude una delle più lunghe telenovelas calcistiche dell’ultimo anno: Cristiano Ronaldo firma in diretta il contratto che lo legherà al Real Madrid fino al 2018. Un contratto faraonico, fuori portata per quasi tutti i club del mondo, ma non per gli spagnoli di Florentino Perez: circa 20 milioni di euro l’anno, stando a quanto riporta la testata spagnola AS. Una cifra astronomica, soprattutto se si considera la legge spagnola: Ronaldo guadagnava fino a ieri 10 milioni l’anno, tassati al 24%, secondo la legge Beckham; legge che però ora è stata abolita, quindi la tassazione per il nuovo contratto del portoghese salirà al 52%. Il che significa una spesa annua di circa 40 milioni, un investimento di 200 milioni di euro per i prossimi cinque anni. Mostruoso.

“E’ stata più lunga per voi giornalisti che per me. Col presidente c’era un accordo verbale già al termine della scorsa stagione, poi c’è voluto solo un po’ di tempo per sistemare le carte. Questo contratto mi porterà ai 33 anni, può essere che chiuda la mia carriera qui”, queste alcune delle parole di Cristiano Ronaldo, che ha messo a tacere le voci che lo volevano infelice a Madrid (soprattutto dopo un’uscita in conferenza stampa dello scorso anno).

CR7 è ora il giocatore più pagato al mondo: più di Messi (circa 16 milioni), di Ibrahimovic (14,5) e di Falcao (14). E, anche se le cifre precise non sono state rese note dalla società, probabilmente anche più di quanto percepiva fino a qualche mese fa Eto’o all’Anzhi (20 milioni all’anno). E pensare che lo stipendio più alto in Italia, quello di Daniele De Rossi, centrocampista della Roma, non supera i 6,5 milioni di euro…

 

Ti potrebbe interessare anche:

Aggiungi un commento

Informazioni sull’autore

Matteo Villa
Questo articolo è stato scritto il 16/09/2013