DailyItalia|venerdì, agosto 18, 2017
Ora sei in: Home » Cultura e società » DailyBook i consigli di oggi

DailyBook i consigli di oggi 

dailyitaliabook

Ben ritrovati e buon venerdì a tutti! Che programmi avete per questo week end? C’è brutto tempo e ve ne resterete a casa sotto le coperte? Niente paura, c’è sempre un buon libro a tenervi compagnia. Scopriamo insieme cosa ci offrono i nostri autori per questo mese di ottobre.

-Al primo posto il nuovo romanzo di Andrea Camilleri, “La banda Sacco” edito da Sellerio. Un racconto di mafia, ci troviamo a Raffadali, provincia di Agrigento, anni Venti del Novecento. I fratelli Sacco sono passati dalla miseria nera a una vita dignitosa di contadini con quattro tn_15655__la-banda-sacco-1380433428salme di terra. Sono uomini liberi, di idee socialiste, hanno il senso dello stato, si sono fatti da sé seguendo l’esempio del padre Luigi che li ha allevati nella cultura del lavoro e del rispetto degli altri e che ha costruito la sua fortuna con l’arte di innestare i pistacchi. La vita cambia quando una mattina il capofamiglia riceve una lettera anonima, poi un’altra, poi subisce un tentativo di furto. Luigi Sacco non ha esitazioni e denunzia le richieste estortive ai carabinieri, che però si trovano disorientati: nessuno in paese ha mai osato denunciare la mafia, tutti preferiscono accettare e tacere. Da quel momento i Sacco dovranno difendersi. Dalla mafia e dalle forze dell’ordine, dai paesani complici, dai traditori, dai maggiorenti del paese tra tentativi di omicidio, accuse false, testimonianze bugiarde. Osteggiati dai carabinieri che li privano del porto d’armi e non li difendono, i fratelli Sacco diventano latitanti. Fronteggiano la mafia mostrando un coraggio e una coscienza civile straordinari per quegli anni, liberando di fatto Raffadali dall’oppressione mafiosa. Di questa storia, un caso politico oltre che giudiziario, Andrea Camilleri ha consultato tutte le carte, documenti ufficiali, scritti familiari, atti del processo. E come dice lui “ha raccontato, «attraverso questo western di cose nostre, per usare un titolo di Sciascia, come la mafia non solo ammazzi, ma sia anche in grado di condizionare e di stravolgere irreparabilmente la vita delle persone”. Una lettura impegnativa ma sicuramente in linea con i nostri tempi, molto interessante per gli amanti della storia e dei fatti di cronaca, con l’inconfondibile stile dello scrittore.

-Al secondo posto troviamo “Di ilde ce n’è una sola”, Andrea Vitali, Garzanti. Un romanzo umoristico dove l’autore ci regala un’altra pagina del suo interminabile romanzo lacustre, specchio di vite semplici e reali in cui può riconoscersi ognuno di noi. Ilde è una moglie con un caratterino difficile, ci troviamo a Bcopj170.aspellano, in una calda estate degli anni ’70. Una documento trovato in un fiume da suo marito Oscar, operaio generico in cassa integrazione da 6 mesi, e sarà proprio lui a sbrogliare la matassa…..con non pochi sospetti da parte della mogliettina, che cerca di portare avanti la famiglia come può. Bella storia di intrighi, mixata con un umorismo e vita reale, il contesto storico di quegli anni, segnato dalle ristrettezze economiche dopo il boom, e dallo sforzo di far quadrare i conti in casa, fa da cornice perfetta alla storia. Consigliato agli amanti del giallo ma non troppo, attuale e divertente.

-Ho voluto dedicare il terzo posto a “La stella di pietra”, Marco Buticchi, Longanesi. Finalmente un libro dedicato agli amanti di storia dell’arte, mai menzionati in questa rubrica. Questo romanzo è un’avventura coinvolgente che si sviluppa attraverso alcuni dei periodi più rappresentativi della storia d’Italia. L’autore mescola storia dell’arte e avventura, capolavori del Rinascimento con trame terroristiche9788830438057 degli anni di piombo. Torniamo all’anno 1487. Tra gli allievi del Ghirlandaio vi è un giovane. Lui è senza dubbio dotato di incredibile talento, eppure è anche molto indisciplinato. Il giovane in questione è Michelangelo Buonarroti e a quel tempo nessuno poteva immaginare che il suo genio diventerà fonte d’ispirazione per l’intera umanità e che le sue opere verranno considerate patrimonio inestimabile. Nel 1980 Sara Terracini è in procinto di discutere la sua tesi di laurea in storia dell’arte. Durante le sue ricerche su Michelangelo, si imbatte in una scoperta che ha dell’incredibile. Il complesso statuario di Laocoonte, che si pensava risalisse all’epoca romana, appartiene ad un altro periodo storico. La studentessa è a conoscenza che da qualche parte, nascosti agli occhi del mondo, esistono dei documenti in grado di provare la paternità dell’opera a Michelangelo. Ciò che invece Sara ignora è che quei documenti sono stati utilizzati per ricevere finanziamenti per atti terroristici durante gli anni di piombo. Notevole e fortemente consigliato, interessante e avvincente, da leggere assolutamente!

-Proprio non vi va di impegnarvi a leggere? Preferite il genere “senza impegno” e divertente? Allora “Fermate gli sposi”di Sophie Kinsella, Mondadori, fa per voi! Lottie è una ragazza che ha sempre41F-kEivUML._ sognato di incontrare il principe azzurro e di formare una famiglia, ma dopo l’ennesima delusione da parte di Richard, il suo fidanzato che non vuole impegnarsi ….si rassegna! Decide di ricontattare un ragazzo conosciuto in vacanza, Ben, durante un flirt estivo e di sposarsi in un battibaleno, ovviamente la sorella di lei e il socio in affari di Ben, cercano di sabotare il matrimonio in tutti i modi. Una spumeggiante commedia romantica, con scene comiche e l’insuperabile umorismo della Kinsella. Consigliato per farsi due risate e rilassarsi sul divano.

Anche questa settimana avete un’ampia scelta. Alla prossima e, come sempre, buona lettura!

Ti potrebbe interessare anche:

Aggiungi un commento

Informazioni sull’autore

Carmelinda Potenza
Questo articolo è stato scritto il 04/10/2013