DailyItalia|lunedì, dicembre 11, 2017
Ora sei in: Home » News » Del Piero, compleanno con gol

Del Piero, compleanno con gol 

Pinturicchio rientra dall’infortunio nel giorno del suo compleanno e il Sydney vince grazie a un suo gol.ff463b434b918fa1b43eaa3749ff42d4-057--473x264

I campioni nel calcio sono sempre decisivi, a prescindere dall’età e oggi compie gli anni uno dei calciatori più rappresentativi del calcio italiano negli ultimi vent’anni: Alessandro Del Piero, una carriera vissuta quasi interamente (a parte una breve parentesi a Padova) con la maglia bianconera della Juventus, prima della contestata decisione della dirigenza guidata da Andrea Agnelli di non rinnovare il contratto al numero 10.

E così, nell’estate 2012, Del Piero sceglie di “ritirarsi” dal calcio ad alti livelli per diventare giocatore-testimonial di una nuova realtà sportiva, quella australiana, indossando la maglia numero 10 del Sydney e dicendo no a proposte importantissime in Italia e all’estero (lo avevano richiesto Boca Juniors, Liverpool e tante altre, persino l’Inter). E ora Alex è la bandiera di questa squadra, un giocatore fondamentale non solo per il carisma che porta in campo, ma anche per la qualità e l’esperienza dei fenomeni.

Oggi Del Piero spegne 39 candeline e torna in campo con il suo Sydney per affrontare il Melbourne. I suoi arrivano da tre sconfitte consecutive, coincise con la sua assenza dal campo per infortunio: la partita si mette subito sui binari giusti, con Garcia e Ryall che fissano il risultato sul 2-0. Come spesso accade, però, la difesa traballa e Sydney viene raggiunta sul 2-2 (con i gol di Thompson e di Troisi, il cui cartellino, casualmente, appartiene proprio alla Juventus). Ma Alex, da campione qual è, si carica sulle spalle la squadra, rimasta in 10 per l’espulsione di Warren: guadagna e trasforma il rigore decisivo che riconsegna i tre punti ai light blues. Più bel regalo di compleanno non poteva esserci: auguri campione!

Ti potrebbe interessare anche:

Aggiungi un commento

Informazioni sull’autore

Matteo Villa
Questo articolo è stato scritto il 09/11/2013