DailyItalia|venerdì, agosto 18, 2017
Ora sei in: Home » Sport » Italia: blackout nell’ultimo quarto e addio europeo

Italia: blackout nell’ultimo quarto e addio europeo 

Ieri sera la nazionale di basket è stata sconfitta dalla Lituania. Ma ora si pensa al mondiale.

BASKET-EURO-2013-LTU-ITA

Ieri sera, a Lubiana (Slovenia), ai quarti di finale, la nazionale azzurra ha ceduto contro la Lituania. La partita è stata emozionante, i nostri ragazzi hanno giocano un basket pulito, dinamico e grintoso, hanno saputo costruire azioni spettacolari, hanno dimostrato di saper tirare da fuori area e di essere migliorati anche ai rimbalzi, ma si sono concessi un periodo di defaillance costato caro: nell’ultimo quarto, a partita ancora aperta, siamo andati in blackout e abbiamo consegnato la vittoria agli avversari: alti, talentuosi, ma battibili.

I Quarto

Il primo impatto è drammatico: i lituani sono dei giganti e subito Lavrinovic ci mostra le sue schiacciate e la sua bravura da 3. In pochi minuti siamo già in svantaggio per 9-2. Il primo periodo si chiude sul 22-15 per i baltici. L’unica nota di colore è la tripla di Gentile agli ultimi secondi. Ma la caparbietà propria dei nostri ragazzi è sempre in azione e la reazione è vicina.

II Quarto

Inizia la lenta ma costante riscossa degli azzurri. Entra Diener che comincia a piazzare tiri pesanti e i liberi di Gentile portano l’Italia a -3 (27-24). Seibutis e Pocius trainano la Lituania e noi restiamo in scia. A due minuti e mezzo dalla fine del II quarto, Datone recupera palla e Cinciarini parte in contropiede: siamo 32 a 36 , Italia a meno 4. E non è finita: Belinelli in attacco costringe al fallo Pocius e il numero 10 azzurro non delude dalla lunetta: si passa 34 a 38. Gli avversari sbagliano al tiro e noi ne approfittiamo: Cinciarini segna e conquista anche un tiro libero per fallo di Seibutis . Siamo 38 a 37. A 25 secondi dalla fine, sul 40 a 37, è Marco Belinelli a dare una lezione di tiro ai lituani: mette a segno un tiro spettacolare da fuori area. Chiudiamo sotto di un punto, 39 a 40.

III Quarto

Continua l’escalation azzurra. Per due azioni consecutive subiamo fallo, andiamo ai liberi e l’Italia, anche se per poco, passa in vantaggio (41-40). A ogni tentativo di fuga degli avversari, i nostri rispondono in modo deciso. La partita è equilibrata, ma a dare spettacolo sono la nostra vivacità e la nostra volontà di farcela. A meno di 3 minuti dallo stop recuperiamo palla e andiamo a segno in contropiede con Cinciarini che subisce anche fallo e ottiene il libero. Siamo in vantaggio 51-50. Gli avversari ci stanno dietro e concludiamo il quarto in vantaggio di uno: 58-57. Fin qui la partita è bellissima.

IV Quarto

Purtroppo l’Italia va in blackout. Sembra che in campo ci sia solo la nazionale lituana. Per sei minuti giochiamo senza segnare. Solo alla fine gli italiani si risvegliano: sul 72-60, con Belinelli, Aradori e Gentile andiamo a 64. Lottiamo fino alla fine, ma ormai è tardi e paghiamo la nostra defaillance. La partita si chiude 81 a 77.

L’Italia poteva farcela, poteva accedere alla fase successiva degli europei, ma è stata essa stessa a precludersi la vittoria. Forse è mancata la maturità psicologica, ma una cosa è certa: abbiamo le potenzialità per arrivare ai mondiali del prossimo anno. Oggi la nazionale sarà in campo contro l’Ucraina: in gioco c’è proprio il mondiale in Spagna il prossimo anno. Mondiale a cui meriteremmo di partecipare.
In bocca al lupo ragazzi!

Ti potrebbe interessare anche:

Aggiungi un commento

Informazioni sull’autore

Elena Politi
Questo articolo è stato scritto il 20/09/2013