DailyItalia|venerdì, agosto 18, 2017
Ora sei in: Home » Sport » Italia, pareggio a Napoli contro l’Armenia

Italia, pareggio a Napoli contro l’Armenia 

Azzurri disattenti in difesa e spreconi in attacco, ora rischiamo di non essere teste di serie.

Italy v Malta - FIFA 2014 World Cup QualifierGli azzurri di Prandelli steccano, in maniera inaspettata: contro l’Armenia gli azzurri pareggiano 2-2, in uno stadio, il San Paolo, che ha gioito per aver visto un napoletano, Insigne, vestire l’azzurro nel suo stadio, ma che ora trema, perché dopo il pareggio di stasera è a rischio la nostra posizione nel mondiale della prossima estate: con questo pareggio potremmo non essere teste di serie in Brasile.

L’Italia parte malissimo: prima Astori regala un pallone a Movsisyan, che spreca il regalo, poi, un minuto dopo, è Aquilani a regalare il pallone del vantaggio armeno all’attaccante, 33 gol in 69 partite negli ultimi tre anni in Russia tra Krasnodar e Spartak Mosca.
La reazione azzurra passa per i piedi di Lorenzo Insigne, che prima colpisce un palo (22′), poi serve un gran pallone a Florenzi, che di testa insacca e fa 1-1. Lo scugnizzo infiamma il pubblico di casa con giocate d’alta classe, ma il gol del vantaggio non arriva.

Nella ripresa entra Balotelli al posto di Osvaldo, oggi poco incisivo, ma a passare è ancora l’Armenia, al 70′, con il suo giocatore più significativo, Henrikh Mkhitaryan: il fantasista del Borussia Dortmund (29 gol lo scorso anno con la maglia dello Shakhtar) è bravo ad anticipare Pasqual e Marchetti e ad insaccare con l’aiuto della traversa.
Prandelli tenta il tutto per tutto e getta nella mischia anche Rossi al posto di Aquilani. Il pareggio arriva al 76′: Balotelli riceve da Pirlo e di prima intenzione insacca alle spalle di Berezovsky. Mario ha ancora un paio di occasioni, ma gli azzurri non trovano il gol della vittoria.

Ora la posizione dell’Italia nel sorteggio dei gironi mondiali dipende dai risultati delle altre nazioni, ma questo non preoccupa Prandelli: “Non eravamo teste di serie nemmeno agli Europei.” Ma il ct non è soddisfatto: “Siamo stati imbarazzanti in avvio. Nella ripresa abbiamo regalato il secondo gol, rischiando di compromettere la gara. I ragazzi comunque non hanno mai mollato. Io devo dare giudizi, per valutare i calciatori ho poche gare a disposizione”.

Ti potrebbe interessare anche:

Aggiungi un commento

Informazioni sull’autore

Matteo Villa
Questo articolo è stato scritto il 15/10/2013