DailyItalia|sabato, ottobre 21, 2017
Ora sei in: Home » Motori » L’automobile ha un futuro chiamato “Genesis”

L’automobile ha un futuro chiamato “Genesis” 

di Luca Salvatore Pavone

L’auto del futuro si creerà con una stampante 3D. All’RCA show il Pilkington DesignAward 2013 va a Nir Siegel. In gara anche Ian Slattery e Moira Mcaulay con la Vitreo.

genesis3

 Il mondo dell’automobilismo potrebbe essere arrivato ad un punto di svolta. All’RCA show di Londra lo studente britannico Nir Siegel ha presentato un nuovo modello di progettazione automobilistica: la Genesis Concept. La particolarità di questo veicolo è che la Genesis viene prima ideata dall’acquirente, poi “assemblata” da una stampante 3D che viene consegnata al momento dell’acquisto. Qualcosa che fino a pochi mesi fa sarebbe risultato impensabile. « La Genesis » spiega Siegel « è personalizzabile e si assembla automaticamente in base alle caratteristiche specifiche che l’acquirente sceglie ».

Per il momento il veicolo è ancora in fase di sviluppo e si sta procedendo alla realizzazione di prototipi perlopiù di piccole dimensioni, sia elettrici che a motore, anche se per questi ultimi modelli si lavora alla ricerca di un materiale che resista al calore prodotto .

All’RCA 2013 si sono distinti anche Ian Slattery e Moira Mcaulay che insieme hanno ideato Vitreo, un’automobile completamente di vetro. Anche i due studenti, che hanno lavorato in coppia, hanno dovuto faticare molto per ideare nuovi materiali che andassero bene al potenziale uso di un’auto.

I progetti degli studenti londinesi sono stati presentati ad una giuria di esperti tra cui spiccano esponenti di  case automobilistiche come Jaguar e Land Rover. Il preside di facoltà ha dichiarato che queste società spingono molto per poter partecipare ad eventi come questo, poiché è da qui che le case trovano i nuovi talenti per creare design sempre più accattivanti e innovativi.

Con Genesis si apre quindi un nuovo mondo sotto ogni punto di vista: tecnologico, automobilistico e ingegneristico.Alcune fonti hanno però dichiarato che veicoli del genere andranno testati a lungo prima di esser prodotti e che non saranno presenti sul mercato prima di 5-6 anni.

Il costo stimato del veicolo o meglio, della stampante, non è ancora stato reso noto.


 

Ti potrebbe interessare anche:

Aggiungi un commento

Informazioni sull’autore

Gabriele Db
Questo articolo è stato scritto il 27/08/2013