DailyItalia|giovedì, ottobre 19, 2017
Ora sei in: Home » Cronaca » “L’azienda va male”. Si impicca imprenditore

“L’azienda va male”. Si impicca imprenditore 

L’uomo trovato morto nel suo capannone a Sant’Angelo di Piove di Sacco (PD).

Una di quelle storie a cui siamo fin troppo abituati negli ultimi anni: una crisi che si trasforma in tragedia non solo per le centinaia di operai delle piccole medie imprese italiane, che si ritrovano da un giorno all’altro senza un lavoro, ma anche per i tanti imprenditori distrutti economicamente e psicologicamente da tasse, recessione dei profitti e debiti. Demoliti, forse, anche dal senso di colpa per tutti i dipendenti a cui non si può più offrire un futuro. Il bilancio della crisi si fa sempre più grave.

Ieri, l’ennesimo imprenditore sceglie di farla finita. Ha 60 anni e si era costruito un nome grazie alla sua officina che produceva componenti per biciclette su commissione. Non aveva debiti con nessuno, ma la paura di non farcela è stata troppo grande. L’uomo comunica la sua intenzione di chiudere ai suoi dipendenti, che poco per volta lasciano il capannone. Lui resta. Avvolge un cavo elettrico intorno al collo e annoda l’altro capo a una trave. È stato trovato poco tempo dopo, in fin di vita, da una dipendente che era tornata in officina a prendere le sue cose. Quando arrivano i soccorsi, per l’uomo era troppo tardi.

Conoscenti e parenti sono sotto shock. Nessuno aveva colto nell’uomo segni che qualcosa non andasse.

Ti potrebbe interessare anche:

Aggiungi un commento

Informazioni sull’autore

Maria Monno
Questo articolo è stato scritto il 18/09/2013