DailyItalia|martedì, dicembre 12, 2017
Ora sei in: Home » Lifestyle » Le torte salate conquisteranno il mondo

Le torte salate conquisteranno il mondo 

Facili da preparare, gustose, adatte per una cena con gli amici e non, insomma le torte salate conquisteranno il mondo!

Le torte salate appartegono per lo più a una tradizione culinaria del nord, dove con i fantastici aperitvi a buffett, al sud sconosciuti fino a pochissimo tempo fa, riempono le pance con ripieni di tutti i tipi e gusti. Oggigiorno stanno prendendo sempre più piede, in quanto rappresentano una pietanza al passo con i tempi: la vita è sempre più frenetica, le donne manager con famiglia e figli a carico sono sempre di più (aggiungerei per fortuna), e il budget economico scarseggia e la tasche ne risentono anche al supermercato.

Cosa c’è di più buono e veloce di una torta salata? con 2 torte mangiano almeno 6 persone, ci si può sbizzarire con gli ingredienti che più ci piacciono, e soddisfano anche chi sta dieta e focaccia-ripienachi è vegeteriano! Insomma una soluzione pratica e buonissima. La pasta? non c’è problema, chi davvero non ha un minuto di tempo puà acquistarla in qualsiasi banco frigo (io consiglio la Buitoni è ottima), oppure se considerate difficile fare la basta briseé forse un po’ complicata da stendere, potete fare la pasta della pizza semplicemente e poi stenderla  in maniera molto sottile (sconsigliato per chi è a dieta, ci vuole molto olio).

Come ripieno io consiglio ricotta spinaci e prosciutto cotto. Lessate gli spinaci, mischiateli con la ricotta e il prosciutto crudo a dadini o straccetti (scegliete voi), un po’ di sale e Torta salata di verdure misteadagiate tutto sulla sfoglia. Chiudete i bordi e infornate! Altrimenti se volete farla più saporita aggiungete un uovo per rendere il composto più omogeneo e del parmiggiano in polvere..vedrete che delizia. Provate e fatemi sapere, se qualcuno di voi prova questa ricetta postatela sulla nostra pagina informazione on line.

Ti potrebbe interessare anche:

Aggiungi un commento

Informazioni sull’autore

Carmelinda Potenza
Questo articolo è stato scritto il 01/03/2014