DailyItalia|venerdì, agosto 18, 2017
Ora sei in: Home » News » Milan, Galliani: dimissioni dopo l’Ajax

Milan, Galliani: dimissioni dopo l’Ajax 

L’amministratore delegato dei rossoneri annuncia a Sky l’imminente addio.205004073-8bb6c2bf-13f0-4d03-aa4e-f9aecc699063

Scossone in casa Milan: Adriano Galliani annuncia ai microfoni di Sky Sport 24: “Mi dimetto dopo la sfida con l’Ajax.” Una decisione certo non inaspettata, ma comunque clamorosa: il dirigente rossonero lascerà il suo incarico dopo quasi 28 anni di militanza, fedele spalla di Silvio Berlusconi nella scalata calcistica del Milan, arrivato sotto l’egida dei due ad essere il club più titolato al mondo.

La decisione arriva a poche settimane dalle dichiarazioni di Barbara Berlusconi alle agenzie: la figlia dell’ex premier aveva criticato i metodi di gestione amministrativa di Galliani, ritenuti ormai obsoleti. Galliani non ci sta e si sfoga: “Ho ricevuto un grave danno alla mia reputazione, non ci sto più a farmi rosolare a fuoco lento”.
La decisione di dimettersi prescinde dall’eventuale buonuscita, che, secondo i calcoli fatti dalla Gazzetta dello sport, potrebbe essere salatissima: oltre 50 milioni lordi. Ma per il più stimato dirigente italiano forse sono quasi pochi.

Lo scenario futuro è molto complicato: Barbara reclama più spazio in società e oltre a Galliani potrebbero cadere altre teste (ad esempio Braida). Per completare il nuovo quadro dirigenziale circolano molti nomi: da ex calciatori (Albertini in primis, ma anche Maldini), fino a dirigenti stimati come Pradè, Sogliano e Fenucci.
Rischia anche Allegri, che Galliani aveva sempre difeso davanti al presidente Berlusconi, ma che ora vede incombere su di sé l’ombra di Clarence Seedorf, da tempo scelta numero uno di Silvio e Barbara.

Ti potrebbe interessare anche:

Aggiungi un commento

Informazioni sull’autore

Matteo Villa
Questo articolo è stato scritto il 29/11/2013