DailyItalia|martedì, settembre 26, 2017
Ora sei in: Home » Lifestyle » Moda autunno inverno 2013 2014, abiti, stili, colori,capelli

Moda autunno inverno 2013 2014, abiti, stili, colori,capelli 

Quali saranno le nuove tendenze della prossima stagione? Andiamole a scoprire…tendenze-moda-600capelli-inverno600

Per quest’autunno le passerelle ci dettano uno stile androgino. Una buona notizia quindi, per chi ama lo stile maschile con tanto di bretelle, cravattine e capelli molto corti. La moda, per questa nuova stagione, ci consiglia  10 punti cardine per essere sempre al top e in perfetto stile.

Si ai contrasti forti: tra stile, tra colori, tra epoche, materiali e colori. Il mood femminile contro quello maschile, slim fit contro oversize, influenze retro contro mood futuristici e il classico per eccellenza: il bianco contro il nero.

Si ai materiali maschili, come tweed o flanella, oltre ai materiali consueti alla donna come lana, cachemire, pelle, chiffon o seta.

Per quanto riguarda le novità, lo stile tomboy sarà il must per essere perfetta: elegante, chic e ambiguo. Avete presente lo stile della modella Carla Delevingne? Prendete esempio.

Oltre al bianco e al nero come abbiamo già anticipato, come colore di quest’anno torna il blu cobalto. Con un pizzico di nero avrete uno dei colori più di tendenza della prossima stagione. Si anche al blu elettrico, se vi piace.

Tornano le pellicce colorate e gli accessori in pelliccia, ovviamente senza dover spiegare il perché, l’alta moda ci consiglia le versioni eco, che oltre a salvare tanti animali, è più calda e più leggera da indossare.

Stivali cuissardes, ovvero gli stivali inguinali tornano anche questa stagione, anche le stringate con tacco maschile però, sono concesse.

Una parola in più sui colori moda che oltre al bianco e al nero, il blu colbato abbinato con un pizzico di nero, vedranno protagonisti anche il giallo e l’arancio e le tonalità più sobrie come il color crema, color cipria e il color pelle. Molto fine e delicato aggiungo io.

Le spalle “over” saranno un altro dettaglio fashion. Rimane o si esaspera la cosidetta “forma a uovo”, con spalle grandi e rotonde, un po’ come negli anni ’80, ma più moderne, più strutturate, più anni 2013.

Lo stile, risente molto delle influenze anni ’20 e anni ’40. Il fim “Il grande Gatsby”, con il bel Leornardo di Caprio, ha influenzato molto gli stilisti generando un revival di quegli anni, con gonne a ruota e linee ad A.

Infine, abbiamo un ritorno ai famosi quadri scozzesi, il tartan. Una cosa che sembra quasi non centrar nulla con le tendenze fino a ora elencate, linee classiche, maschile, androgine, molto raffinate e chic, invece è proprio questa la prova che i conferma i tanti contrasti della moda per la stagione in arrivo. Gli stili e i mood sono tanti, a voi la scelta!

Come gli abiti e gli accessori, anche i capelli seguono tendenze e acconciature diverse, vediamo un po’ cosa ci consigliano gli hair stylists. La frange anni ’70, tonde e leggermente sfilate sia con i capelli lisci, mossi o raccolti, danno uno stile definito e ben preciso, decisamente una buona soluzione per avere sempre un’acconciatura alla moda. Per quanto riguarda la lunghezza, quest’anno il “medio-lungo” vince sul corto o sul lunghissimo, un buon compromesso per i proprio capelli, ovviamente dipende sempre dalla forma del viso. Si  al capello corto, ma con le giuste proporzioni del viso. I colori preferiscono le nuances calde, dai cioccolato, castagna, caffè fino ad arrivare al biondo mile, l’importante è che siano sfumati e mai piatti.

Tra le icone più seguite in fatto di capelli troviamo: Kate Middleton, Emma Watson, Angelina Jolie. Un taglio decisamente out per questa stagione? Franco Argento, hair stylist molto noto nel campo della moda  e della pubblicità, vieta assolutamente il taglio alla Rihanna o alla Emma. Ebbene si ragazze, la rasatura solo da un lato e i colori accesi sono volgari, pacchiani e da quest’anno decisamente out.

 

Ti potrebbe interessare anche:

Aggiungi un commento

Informazioni sull’autore

Carmelinda Potenza
Questo articolo è stato scritto il 11/09/2013