DailyItalia|martedì, dicembre 12, 2017
Ora sei in: Home » Notizie » Serie A, 4^ giornata: tutti i numeri del weekend

Serie A, 4^ giornata: tutti i numeri del weekend 

Roma e Napoli a punteggio pieno dopo le vittorie contro Lazio e Milan. Inter da record col Sassuolo, Juventus spettacolare contro il Verona.

1374311_483608191738429_1383623304_nLa Serie A entra finalmente nel vivo: la quarta giornata regala spettacolo e emozioni e le gerarchie iniziano a delinearsi.
Questi i risultati del week-end:
Cagliari-Sampdoria 2-2 (26′ Ekdal, 89′ Gabbiadini, 91′ Conti, 93′ De Silvestri)
Chievo-Udinese 2-1 (1′ Maicosuel, 13′ Pellissier, 40′ Rigoni)
Genoa-Livorno 0-0
Sassuolo-Inter 0-7 (7′ Palacio, 23′ Taider, 33′ Pucino (A), 53′ Alvarez, 63′ Milito, 74′ Cambiasso, 83′ Milito)
Atalanta-Fiorentina 0-2 (41′ Fernandez, 69′ Rossi)
Bologna-Torino 1-2 (2′ D’Ambrosio, 29′ Natali, 46′ pt Cerci (R))
Catania-Parma 0-0
Juventus-Verona 2-1 (36′ Cacciatore, 40′ Tevez, 48′ pt Llorente)
Roma-Lazio 2-0 (63′ Balzaretti, 94′ Ljajic (R))
Milan-Napoli 1-2 (6′ Britos, 53′ Higuain, 91′ Balotelli)

21 – Il numero di rigori consecutivi segnati da Balotelli in carriera prima di ieri sera, quando Pepe Reina si è allungato alla sua sinistra parando la conclusione della punta rossonera. È il primo rigore sbagliato da professionista: l’ultimo rigore sbagliato risale ai tempi del Lumezzane, quando fu fermato da Omar Rossetto, portiere del Cittadella.

27 – Gli anni passati dall’ultima vittoria del Napoli a San Siro contro il Milan, il 13 aprile 1986: stesso punteggio, 1-2, con gol decisivo, spettacolare, di Maradona. Proprio Maradona prima del big match di domenica aveva detto: “La decide Higuain”: così è stato e il Napoli ora guarda tutti dalla cima della classifica.

94 – I minuti che in media impiega Giuseppe Rossi a segnare: includendo anche le presenze in Europa, per lui 5 gol in 470′. Montella dice di rivedersi in lui: di certo Pepito sta prendendo in mano la Fiorentina dopo i due brutti infortuni che lo hanno bloccato negli ultimi due anni al Villarreal.

60/61 – L’ultima stagione in cui la Roma ha vinto quattro partite su quattro all’avvio del campionato. Ma questa volta la quarta vittoria arriva nel derby, dominato negli ultimi anni dalla Lazio fino alla sconfitta nella finale di Coppa Italia lo scorso maggio. Prestazione maiuscola dei “romani” Totti e De Rossi, primo gol in giallorosso (e lacrime di gioia) per Balzaretti, deludente lo scorso anno sia con Zeman che con Andreazzoli, rigore procurato e trasformato per Ljajic, entrato perfettamente nei meccanismi di Garcia, che ha creato una squadra pragmatica e vincente. Le premesse per rivedere la Roma in alto a fine stagione ci sono tutte.

7 – I gol segnati dall’Inter contro il Sassuolo, ma soprattutto i mesi trascorsi dall’ultima partita giocata da Diego Milito, contro il Cluj: per il Principe un rientro trionfale dopo l’infortunio ai legamenti che segnò l’inizio della disfatta della banda di Stramaccioni. Due gol, un assist, tanta voglia e minuti importanti: l’Inter ha una nuova freccia nel suo arco.

Ti potrebbe interessare anche:

Aggiungi un commento

Informazioni sull’autore

Matteo Villa
Questo articolo è stato scritto il 23/09/2013