DailyItalia|martedì, dicembre 12, 2017
Ora sei in: Home » Sport » Totti alla Roma a vita: “L’unica maglia per cui ho sempre tifato”

Totti alla Roma a vita: “L’unica maglia per cui ho sempre tifato” 

Il capitano della Roma firma in diretta il contratto che lo legherà alla Roma per altri due anni da giocatore.

SOCCER: SERIE A; ROMA-PARMA

Francesco Totti e la Roma ancora insieme. Finalmente il capitano giallorosso firma in diretta, accanto al presidente James Pallotta, il contratto che lo legherà per altri due anni alla Roma, fino alla fine della sua carriera da calciatore. Segno che nel progetto americano lo spazio per Totti c’è e eccome.

“Abbiamo sempre chiarito che Francesco sarebbe rimasto qui. Abbiamo lavorato sulla squadra e Francesco è d’accordo con me nel dire che durante il mercato la cosa principale era puntare sui nuovi acquisti. Siamo stati impegnati su più fronti. I tempi lunghi non sono dovuti ad altro. Sono onorato che Francesco Totti rimanga qui con noi. Alzo i calici a noi e alla Roma per un radioso futuro insieme”, queste le parole con cui il presidente Pallotta apre la conferenza stampa. Microfono che passa poi al capitano: “”Ringrazio il presidente e la società per questa nuova, sospirata, possibilità di vestire la maglia dell’unica squadra per cui ho tifato. Avrò altri due anni di responsabilità per fare grandi cose con la Roma. Grazie!”.

Totti, che ha segnato il gol numero 228 in serie A lunedì contro il Parma, ricorda la particolare contemporaneità della sua firma con la conferma (non ancora ufficiale) della cessione da parte di Moratti (“Moratti nel calcio italiano rimarrà sempre una persona vera e stimata anche da chi non è interista”) e ricorda anche il trattamento ricevuto da Del Piero, che due anni fa nella stessa situazione non rinnovò (“Lui era una bandiera della Juve che non è stata trattata come me a Roma. E’ una cosa che mi dispiace”).

Il numero 10 commenta l’inizio di stagione positivo della sua Roma (“Siamo partiti col piede giusto, con una quadratura di squadra e un allenatore competente”), ricorda il momento migliore della sua carriera (“Il 17 giugno 2001, il giorno dello scudetto. Ma spero che la fotografia più bella debba ancora essere scattata”) e non esclude di pensare al Mondiale dell’estate prossima (“Devo pensare a come sto, è presto. Però la mia maglia azzurra è quella della Roma”).

Domenica pomeriggio il derby con la Lazio: una rivincita della finale di Coppa Italia vinta dai biancocelesti lo scorso maggio. Con un capitano  sempre più leader e bandiera dei giallorossi: “Noi la soffriamo in maniera intensa, noi vogliamo sempre vincere.”

Ti potrebbe interessare anche:

Aggiungi un commento

Informazioni sull’autore

Matteo Villa
Questo articolo è stato scritto il 20/09/2013